Gli studi sul controllo genetico delle emissioni ad impatto ambientale negli animali da reddito, pur essendo di grande attualità, non hanno prodotto sinora strumenti di utilizzo pratico diffusi. Gli ostacoli più rilevanti sono costituiti dalle difficoltà nella misurazione diretta delle emissioni, dalla natura stessa dei caratteri che risultano fortemente influenzati da molti fattori non genetici (tipo di alimentazione, tecniche di allevamento, tipologia di flora ruminale, ecc.) e dalle difficoltà nello sviluppare uno schema di raccolta dati su larga scala. Inoltre il carattere è complesso perché include le emissioni da diverse fonti (eruttazione, deiezioni). Il livello di emissioni, comunque, non va considerato in assoluto ma va abbinato al livello produttivo per cui l’animale viene allevato (kg di CO2 x kg di latte o per kg di formaggio o per kg di carne). La valutazione delle emissioni in atmosfera si può approcciare o per via diretta tramite una quantificazione delle reali emissioni in ambiente di alcuni gas oppure per via indiretta desumendolo dai dati di efficienza alimentare degli animali.

La genetica influenza la fertilità del seme?
L’aspetto della fertilità maschile è un carattere di grande interesse per l’allevatore di vacche da latte, dal momento che vi
Read more.
Miglioramento genetico e impatto ambientale
L’articolo dal titolo “Cambiamenti climatici e miglioramento genetico della sostenibilità ambientale della vacca da latte”, redatto dall’Università di Padova, sottolinea
Read more.
La Pac dopo il 2020 e il progetto LATTeco
Si torna a parlare di Pac e ancor più lo si farà nei prossimi mesi. Fra novembre e dicembre si
Read more.
L’Europa orienta la bussola verso la sostenibilità ambientale
Dove sta andando quella Pac che ha accompagnato l’agricoltura negli ultimi 60 anni? Dal protezionismo del dopoguerra, si è arrivati
Read more.